Gengivite Acuta: Definizione, Cause, Sintomi, Segni, Diagnosi E Trattamento

malattie parodontali

Parliamo di una malattia gengivale causata da sintomi locali e cambiamenti generali nel corpo, che si verificano senza alterare l’articolazione dentogengivale.

La frequenza di comparsa della gengivite è piuttosto alta, la maggior parte dei bambini, delle donne incinte e dei giovani pazienti sotto i 30 anni di età soffrono di questo disturbo.

La gengivite si riferisce a un gruppo di malattie parodontali. La gengiva entra nel complesso parodontale dei tessuti.

Cause di gengivite

Le cause della gengivite sono suddivise in generali e locali.

I fattori eziologici comuni includono:

  • Una diminuzione dell’immunità.
  • Malattia gastrointestinale.
  • Disturbi cardiovascolari
  • Disturbi endocrini (diabete mellito, malattie della tiroide, gravidanza, pubertà).
  • Ipovitaminosi
  • Condizioni allergiche.

Sullo sfondo dei disturbi generali, l’influenza dei fattori locali è aggravata:

  • Scarsa igiene orale
  • Accumulo di microflora patogena.
  • Presenza di tartaro (pietre).
  • Anomalie
  • Deformazioni del sistema dentogengivale.
  • Lesioni meccaniche, lesioni da radiazioni e lesioni gengivali traumatiche (traumi, ustioni, protesi insolubili).
  • Cattive abitudini (fumo).
  • L’uso di droghe (contraccettivi orali).
  • Lavoro nella produzione di metalli pesanti (mercurio, piombo).

Sintomi e segni di gengivite acuta

Come accennato in precedenza, la gengivite si verifica più spesso nei giovani. Si riscontrano segni morfologici e clinici di infiammazione.

Depositi dentali abbondanti, gengive sanguinanti durante il sondaggio, assenza di tasche parodontali, con gengivite ipertrofica possono avere una falsa tasca parodontale.

Non ci sono cambiamenti strutturali nel tessuto osseo del processo alveolare, le condizioni generali del paziente non soffrono, gli indici di igiene e le manifestazioni di gengivite consistono in una relazione.

I sintomi della gengivite delle gengive sono gonfiore delle gengive, dolore, che i pazienti lamentano soprattutto di sanguinamento quando si puliscono i denti o mangiano cibi solidi, arrossamento e possibilmente respiro pesante dalla bocca.

I seguenti descrittori sono caratteristici della gengivite acuta:

  • Grave infiammazione del margine gengivale.
  • Papille interprossimali laminate e bulbose.
  • L’eritema non coinvolge una fascia completa della gengiva cheratinizzata.
  • Emorragia molto pesante al sondaggio.

Tipi e forme di gengivite

  • Basato sui segni clinici : acuto e cronico.
  • Per forme: la gengivite è divisa in catarrale, ipertrofica e ulcerosa.
  • A seconda del grado di gravità: leggero, medio e pesante.
  • In una fase di una corrente: affilata e cronica.
  • Posizione : papillare, marginale, diffusa.
  • In eziologia: gengiviti traumatiche, chimiche, adolescenziali, gengiviti durante la gravidanza.
  • Nella sua prevalenza : focale e generalizzata.

Gengivite acuta

Le cause della gengivite sierosa acuta possono essere temperatura, infezioni, lesioni, fattori allergici e tossine allergiche.

La gengivite acuta può accompagnare morbillo, SARS, influenza, disturbi metabolici, ecc. Inoltre, una scarsa igiene (placca dentale, pietre dentali) provoca una diminuzione locale dell’immunità dei tessuti del cavo orale.

Il rischio di gengivite acuta nei bambini è molto più alto, poiché fino a 6-7 anni di immunità non si è ancora completamente formato, è finalmente formato da 14-15 anni.

Osservare la corretta spazzolatura dei denti nei bambini è molto importante in tenera età.

Le lesioni localizzate di 1-2 denti sono causate dall’accumulo di microrganismi, cavità cariate sulla superficie di contatto, imperfezioni delle guarnizioni, mancato rispetto dei requisiti clinici delle guarnizioni.

Con la gengivite, l’integrità dell’inserto dentogengivale non viene compromessa.

Il grado lieve di gengivite è una lesione della gengiva marginale e le gengive marginali e alveolari colpiscono le forme medie e gravi.

All’esame si osserva arrossamento, arrossamento dei tessuti gengivali, è possibile un leggero sanguinamento durante il sondaggio. Lo stato di salute generale non ne risente. Le papille interdentali sono arrotondate, pendono sul tessuto dentale, le cavità dentogengivali si approfondiscono.

I depositi di cibo rimangono, marcendo, esacerbando la condizione. Sulla mucosa delle labbra, delle guance, della lingua ci sono tracce dei denti, che indicano il loro edema. Aumento della salivazione, c’è un cattivo odore dalla bocca.

Tra le forme acute di malattia parodontale ci sono : gengivite necrotica, specifica, virale, ascesso gengivale.

La gengivite necrotizzante acuta (ulcerativa) è caratterizzata da un forte dolore alle papille gengivali, la loro necrosi. La condizione generale è disturbata e si manifesta con aumento della temperatura, gonfiore e dolore dei linfonodi.

Nei casi trascurati, le ulcere possono formarsi nella parte alveolare dell’osso, che comunica con la mascella. Se il processo non viene trattato, può portare alla perdita di tessuto o alla morte.

La gengivite specifica acuta si verifica sullo sfondo di lesioni specifiche del corpo: tubercolosi, actinomicosi, sifilide, candidosi.

Gengivite virale acuta : la causa del suo sviluppo è il virus dell’herpes simplex, l’herpes circostante e la citomegalia.

L’ascesso gengivale è la fusione delle papille gengivali, la formazione di pustole, accompagnata da forti sensazioni di dolore.

La gengivite locale acuta viene trattata e, se i fattori locali e generali vengono eliminati, è possibile prevenire la manifestazione di questo disturbo.

Diagnosi di gengivite acuta

La diagnosi di gengivite acuta è semplice, basata su reclami e manifestazioni cliniche, la diagnosi viene fatta rapidamente:

  • La giovane età del paziente.
  • Gli indici alti dell’indice di igiene Verde-Vermiglio.
  • Sanguinamento dalle gengive durante il sondaggio.
  • La presenza di una carie cervicale.
  • Gli spigoli vivi delle guarnizioni.
  • Cambiamenti nelle partizioni interdentali.
  • La condizione generale del paziente senza deviazioni (eccetto forme ulcerose di gengivite).

Gengivite cronica

L’eziologia, la patogenesi e i sintomi della gengivite cronica non differiscono dalla gengivite acuta. La gengivite cronica può essere atrofica, catarrale, ipertrofica.

La gengivite catarrale cronica si manifesta con una certa periodicità, manifestandosi come leggero arrossamento e gonfiore della gengiva. La sua caratteristica è una corrente lunga e noiosa. I reclami dei pazienti non vengono espressi.

Il processo è limitato e diffuso, con lesioni delle papille interdentali e della gengiva marginale.

La gengivite ipertrofica cronica è un ingrossamento delle papille gengivali, che può coprire l’intera superficie esterna del dente con la formazione di una falsa tasca parodontale.

C’è dolore quando si mangia, sanguinamento. Con il decorso prolungato di una qualsiasi delle forme di gengivite, può svilupparsi una gengivite atrofica, in cui la gomma si restringe, viene danneggiata dall’assunzione di cibi solidi e diventa sottile.

La gengivite atrofica si diffonde alle papille interdentali, assomigliano al taglio, anche le gengive marginali sono appiattite. La gengivite atrofica è il magazzino dell’infezione, può provocare lo sviluppo di esacerbazione della malattia interna.

La gengivite cronica si divide in:

  • Gengivite specifica.
  • Ormonali.
  • Medicinale.
  • Idiopatico

La gengivite cronica semplice è causata da depositi dentali duri nella popolazione adulta e nei bambini, in cui si concentrano i prodotti dell’attività vitale dei microrganismi.

La gengivite ormonale si verifica più spesso negli adolescenti con una storia di pubertà, così come nelle donne durante la gravidanza o durante l’assunzione di contraccettivi orali. Possibile sviluppo di gengivite cronica durante il trattamento con farmaci steroidei.

La gengivite specifica è causata da Candida albicans, Actinomyces israelii e Treponema pallidum che sono agenti causali di candidosi, actinomicosi e sifilide.

Il grado di gengivite dipende dal grado di danno tissutale. La gengivite cronica è il precursore della parodontite. Le forme acute sono suscettibili di trattamento e le forme croniche non esistono, è possibile solo mantenerle allo stesso livello, senza esacerbazioni.

Quando si esamina la cavità orale, è visibile il rossore delle gengive con una sfumatura bluastra. Le papille gengivali si allargano e si ispessiscono.

Durante l’esacerbazione della gengivite cronica, la gomma diventa rosso vivo, si gonfia, sanguina quando viene toccata.

Sulla superficie è presente una quantità adeguata di depositi dentali, l’attacco gengivale non viene distrutto, le tasche non vengono rilevate.

Diagnosi di gengivite cronica

Ci sono un gran numero di test per determinare la gengivite prima che compaiano i primi segni.

Questi includono: misurazione della quantità di fluido gengivale, pH del fluido gengivale, campione di Kulazhenko (il tempo di formazione del livido sulla gengiva), indice di sanguinamento delle gengive, termometria gengivale, esame microbiologico, X -ray esame, fotopletismografia, reoparodontografia e altri.

Gengivite nei bambini

I bambini soffrono di gengivite abbastanza spesso. Le cause di questa patologia nei bambini possono essere esterne e interne. Una delle cause esterne della gengivite nei bambini è l’eruzione dei denti, durante la quale si verifica un trauma naturale alla mucosa del cavo orale.

Nell’infanzia, nell’asilo e nella prima infanzia, i bambini hanno l’abitudine di “provare a mordere”, ingoiando vari oggetti che possono danneggiare la mucosa ed essere fonte di infezione.

Inoltre, la causa della gengivite nei bambini può essere un sigillo che non soddisfa i requisiti clinici, il bordo tagliente del dente temporaneo in decomposizione.

I segni esterni includono varie malattie infettive, presenza di carie, malattie associate a diabete, tubercolosi e nefropatia. L’uso di apparecchiature ortodontiche, che è un punto di ritenzione aggiuntivo per ritardare i microbi con una spazzolatura insoddisfacente dei denti.

Le cause interne della gengivite nei bambini sono : dentizione impropria, che danneggia la gengiva, insufficiente apporto di vitamine e minerali nel corpo del bambino, alimentazione squilibrata, ridotta immunità.

La gengivite può essere un sintomo aggiuntivo della malattia, ma può anche agire come una patologia indipendente. Sulla base dei segni infiammatori, la gengivite nei bambini si divide in catarrale, ipertrofica, ulcerosa e necrotica e mista. Ognuno di loro ha una forma acuta e cronica.

Abbastanza facilmente quando l’esame della cavità orale di un bambino è determinato dalla gengivite acuta delle gengive. Il bambino spesso si rifiuta di mangiare, piange ed è irritabile, non dorme bene.

Le manifestazioni sono ben espresse nella cavità orale: le gengive sono rosse, edematose, il sanguinamento è determinato e la quantità di placca aumenta.

Il quadro clinico della forma cronica di gengivite è sfocato. La forma più comune di gengivite nei bambini è la gengivite ipertrofica. È anche chiamata gengivite giovanile o puberale.

Le principali lamentele dei bambini su dolore, sanguinamento durante i pasti, svantaggio estetico. Tali cambiamenti dopo la pubertà scompaiono. La proliferazione può essere rimossa chirurgicamente.

In giovane età nei bambini, la seconda forma più comune è la gengivite catarrale. Si manifesta con infiammazione gengivale, sanguinamento e un odore sgradevole dalla bocca. La conseguenza della gengivite catarrale è la gengivite ulcerosa sullo sfondo di una diminuzione del sistema di difesa del corpo.

Lo stato generale di salute del bambino è disturbato (temperatura, aumento dei linfonodi sottomandibolari o occipitali), i bambini si rifiutano di mangiare, piangono, sono lenti. Nella foto della cavità orale della gengivite ulcerosa: dolore, sanguinamento, presenza di depositi dentali.

La forma più grave è la gengivite necrotica ulcerosa, in cui si verifica la necrosi delle papille interdentali, le gengive marginali. Le ulcere sono ricoperte di placca, sono grigie, la saliva è viscosa, dalla bocca emana un odore putrido.

A causa di un trattamento dentale improprio, è possibile lo sviluppo di gengivite atrofica. I fenomeni infiammatori non prevalgono, i pazienti non si lamentano, il dentista può diagnosticare in un esame preventivo.

Trattamento della gengivite

Il trattamento della gengivite deve essere prima di tutto complesso, cioè deve essere finalizzato all’eliminazione dei fattori eziologici, patogeni e sintomatici.

In presenza di spigoli vivi del sigillo, è necessario correggere il riempimento o metterlo nello stesso punto, correggere protesi stabilite, ripristinare i denti distrutti con spigoli vivi con un materiale di riempimento o una corona.

Se la causa della gengivite è l’eruzione dell’ottavo dente, sciacquare con soluzioni di anestetici deboli (camomilla, salvia), una soluzione di soda. In caso di difficoltà, l’eruzione delle gengive viene aperta chirurgicamente per facilitare l’eruzione.

Il trattamento ortodontico della gengivite mostra la nomina di igiene professionale ogni 3 mesi, il risciacquo con soluzioni antisettiche, la nomina di agenti fortificanti per l’intervento chirurgico.

Quando si tratta di malattie degli organi interni (sistema cardiovascolare, tratto gastrointestinale, nefropatia, disturbi del sistema endocrino, ecc.), Deve essere prescritta una terapia appropriata, mirata al trattamento del focus principale.

I farmaci per la gengivite si verificano con l’abolizione o la sostituzione di farmaci antibatterici. L’uso a lungo termine di antibiotici provoca uno squilibrio nella normale microflora del cavo orale. Il ricevimento di lactobacilli normalizza il mantenimento di microbi in una cavità orale.

È necessario esaminare specialisti adiacenti per il monitoraggio della salute e la nomina di terapia immunocorrettiva e vitamine.

Per la nomina di immunosoppressori e altri farmaci che stimolano il sistema immunitario, è necessario consultare un immunologo. Solo dopo l’esame è possibile la somministrazione del farmaco.

Con lesioni specifiche delle gengive prescrivono antibiotici e antimicotici, risciacqui antisettici.

Il trattamento della gengivite catarrale acuta ha lo scopo di eliminare i fattori sfavorevoli, normalizzare la reattività del corpo e mostrare la terapia di desensibilizzazione.

Il dentista deve insegnare al paziente una corretta igiene personale del cavo orale, eseguire un trattamento antisettico della mucosa orale (0,06% con soluzione di clorexidina, soluzione di perossido all’1%), applicare una benda con unguento contenente corticosteroidi .

Con la condizione è gengivite catarrale cronica, sciacquare l’1% con soluzione di tannino, decotto di corteccia di quercia, infuso di salvia. Si consigliano irrigatori, massaggio vibratorio o automassaggio delle gengive.

L’irrigatore è un dispositivo speciale che eroga acqua da un tubo sottile a bassa pressione. Inclusi con gli irrigatori sono ugelli sostituibili.

Il rrigator non solo consente movimenti di massaggio, stimolando la microcircolazione nel sangue, ma pulisce anche gli spazi interdentali.

Il trattamento della gengivite ulcerosa-necrotica consiste in un trattamento generale e locale.

Il trattamento generale consiste nell’assumere antibiotici, antistaminici e farmaci antinfiammatori, mangiare cibi triturati ad alto contenuto calorico e limitare l’assunzione di cibi solidi e irritanti.

Il trattamento locale viene effettuato in un appuntamento ambulatoriale con un dentista per una settimana o più. È necessario eseguire l’anestesia della mucosa interessata. Gel per anestesia applicato con anestesia o infiltrazione lipocool (Lidocaina o Septanest).

Inoltre, la rimozione dei depositi dentali, sia duri che morbidi, elimina i bordi affilati e sporgenti delle otturazioni. Meccanicamente o con l’aiuto di enzimi proteolitici (tripsina, chimotripsina), rimuovere il tessuto gengivale necrotico.

Applicare l’enzima sul tampone di cotone e applicare sulla zona interessata per 10 minuti. Ripetendo la procedura 2-3 volte per ricezione. Allora passi il trattamento antisettico delle ulcere con soluzione di perossido, clorexedin, permanganato di potassio o furracillina.

Per la migliore e più rapida guarigione delle ulcere, vengono applicati preparati cheratoplastici (Solcoseryl Unguento, Metuluracil Unguento).

Il trattamento della gengivite nei bambini è simile a quello negli adulti, ma poiché la gengivite nei bambini si verifica senza cambiamenti pronunciati nelle condizioni generali del corpo e senza un quadro clinico vivido nella cavità orale, è sufficiente eseguire l’igiene e il professionista uso. di agenti antisettici.

La rimozione del tartaro viene eseguita da dispositivi ad ultrasuoni, dal sistema di flusso d’aria, lucidatura e lucidatura con paste, nonché profonda fluorizzazione.

A casa, i bambini possono sciacquarsi la bocca con una soluzione di clorexedina allo 0,06% (2 volte al giorno per 30-40 secondi, della durata di 10 giorni).

Esistono gel, Holisal, Metrogil denta, che hanno effetti antinfiammatori e antisettici. Quando si forma ipertrofica di gengivite nei bambini dopo il ripristino dello sfondo ormonale, la dimensione delle papille gengivali viene normalizzata.

L’utilizzo del trattamento fisioterapico della gengivite favorisce un rapido recupero. Include l’elettroforesi intraorale con l’uso di farmaci (ad esempio, ioduro di potassio).

Il corso della terapia della durata di 7-10 giorni per 10 minuti avrà un effetto positivo sul recupero del paziente.

Rimuovendo i depositi dentali dalle false tasche parodontali, viene eseguito un curettage aperto e chiuso delle tasche parodontali.

Il curettage chiuso è la rimozione di depositi dentali duri con l’aiuto di ganci, escavatori, curette.

Quando il curettage è aperto, viene praticata un’incisione nella gomma e vengono rimosse anche le pietre dalle superfici dei denti, le cuciture vengono applicate e protette con una benda o una pellicola.

Se adulti e bambini osservano le raccomandazioni di un dentista, i denti vengono puliti adeguatamente circa due volte al giorno dopo i pasti, si verifica una cura completa per le forme acute di gengivite.

Un decorso prolungato di gengivite può causare la cronizzazione del processo e lo sviluppo della parodontite dei denti. La corretta selezione di uno spazzolino con setole morbide, l’uso di dentifrici medicati, il cambio tempestivo degli spazzolini ha un importante valore preventivo.

È necessario andare dal dentista almeno una volta ogni sei mesi per gli esami preventivi. Qualsiasi malattia dentale è più facile da prevenire che da iniziare e quindi molto di più da curare.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *